11-12 Luglio 1982 - Torino, Stadio Comunale

 

 

11 Luglio 1982 - ore 15.00

Under My Thumb

When The Whip Comes Down

Let's Spend The Night Together

Shattered

Neighbours

Black Limousine

Just My Imagination

Twenty Flight Rock

Going To A Go Go

Let Me Go

Time Is On My Side

Beast Of Burden

You Can't Always Get What You Want

Angie

Tumbling Dice

She's So Cold

Hang Fire

Miss You

Honky Tonk Woman

Brown Sugar

Start Me Up

Jumpin' Jack Flash

Satisfaction

12 Luglio 1982 - ore 18.00

Under My Thumb
When The Whip Comes Down
Let’s Spend The Night Together
Neighbours
Shattered
Black Limousine
Just My Imagination

Twenty Flight Rock
Going To A Go-Go
Let Me Go
Time Is On My Side
Beast Of Burden
You Can’t Always Get What You Want
Little T & A
Angie
Tumbling Dice
She’s So Cold
Hang Fire
Miss You
Honky Tonk Women
Brown Sugar
Start Me Up
Jumping Jack Flash
Satisfaction




Mundialito '82 (Bootleg cover)

Biglietto del 11/07

Biglietto del 12/07




- Audio -



Torino 11/7/82

Giornata particolare quell'11 Luglio del 1982 per noi italiani - come tutti ricordano il paese era in fibrillazione per la finale dei mondiali di calcio in Spagna tra l'Italia e la Germania prevista per la sera:

diretta ore 20.00 Rai Uno.

Nel pomeriggio di quella stessa giornata però era in programma il concerto degli Stones, i quali tornavano a suonare in Italia dopo 12 anni di assenza. Un certo malumore aleggiava in noi fans milanesi dovuto al fatto che il concerto si tenesse a Torino nel vecchio stadio Comunale: saremmo riusciti a gustarci entrambi gli eventi con la dovuta tranquillità e concentrazione?

Il viaggio di andata non era un problema, ma mi ricordo di un ritorno a tutta velocità intriso di emozioni forti: avevo rivisto i ragazzi dal vivo dopo lunghi anni (nel giorno del mio 13°compleanno anno 1970, Palalido di Milano) e già saliva lo sconforto per un rigore sbagliato da Cabrini.

Poi tutto finì in gloria!

Il concerto pomeridiano di quell'11 luglio non fu certo una delle esibizioni migliori della band. Ricordo il solo Jagger che si dava un gran da fare scatenandosi in salti e balli su e giù dall'enorme palco con tanto di gru elevatrici che protendevano verso la folla. Il resto della band lo seguiva molle, distratto e deconcentrato, come mai avevo notato.  

Bello vederlo con la bandiera tricolore sulle spalle pronosticare in italiano il risultato finale dei Mondiali, peraltro azzeccandolo.

Eppure la scaletta, praticamente identica al tuor americano dell'anno precedente, includeva pezzi particolari, come i blues Black Limousine, Going To A Go-Go e Twenty Flight Rock; perle come Shattered, Just My Imagination e Beast Of Burden; cavalli di battaglia tipo Lets' Spend The Night Together, Time Is On My Side, You

Can't Always Get What You Want; una chicca per l'Italia Angie; e il finale ricco di classici tiratissimi e un po' scontati  Brown Sugar, Start Me Up, Jumpin' Jack Flash e Satisfaction.

Poi i fuochi d'artificio che si perdevano nella luce del tramonto.

 

Era uno degli ultimi concerti di quel tour, e da vecchio rollingstoniano ho avuto la sensazione che qualcosa nel gruppo non esistesse più.

Migliori, forse più rilassate, le esibizioni della sera dopo sempre al Comunale e a Napoli qualche giorno dopo.

Infatti dovranno passare altri 7 anni prima che la band si ritrovi sul palco del "Steel Wheels/Urban Jungle tour" con un energia ritrovata, questioni personali risolte, e la voglia di suonare insieme alla quale ancora oggi, nel 2006, stiamo fortunatamente assistendo.

Andrea Ruozzi

 






Mick e Ronnie all'arrivo a Torino



Mick in Vespa nei Backstage




Straordinari scatti del Comunale - Credits: Silvio Canini www.silviocanini.it


Un giorno magico, da ricordare!!!
Sono sempre stato un amante del rock, avevo cominciato a fotografare un anno prima, e non se ne parlava di andare ad un concerto senza macchina fotografica. A quei tempi era assolutamente proibito fotografare, solo i pochi fortunati accreditati avevano la possibilità di andare sotto al palco, ma questo non mi ha mai creato problemi, io fotografavo lo stesso.

Abitando a Bellaria, località balneare, la domenica in estate non esiste, è come un qualsiasi giorno della settimana, si lavora! Ma a Torino ci sono i Rolling Stones, e poi c'è anche la finale dei Mondiali, quindi è festa Nazionale, fanculo il lavoro.
Il sabato sera dopo essere stati al Gallery il ritrovo era alla pizzeria Texas, la solita pizza e ci mettiamo in macchina verso le due, il Toro grande, Sting, Max Reali, Steve, la Monica ed io.

Arrivammo allo stadio di Torino verso le sei, eravamo i primi, il concerto iniziava alle tre del pomeriggio, orario inconsueto per un concerto, ma dopo c'era Italia-Germania, e gli organizzatori avevano spostato l'orario del concerto per dare a tutti la possibilità di vedere la finale.
All'apertura dei cancelli la mia solita preoccupazione era quella di far entrare la macchina fotografica, ma questa volta mi ero ingegnato bene, ho preso un pane toscano intero, gli ho tolto tutta la mollica, ho avvolto il corpo della mia Nikon FM2 con la pellicola trasparente da cucina, poi ho messo un pò di mortadella ai lati del paninone, e ancora un giro di pellicola per concludere l'opera.
Stessa cosa con il 300mm, con questo ho simulato un salame, stesso trattamento per proteggere l'ottica, poi carta gialla unta, e lo spago finale come sui salami, un capolavoro, me lo sarei mangiato.....
Naturalmente è andata bene, mi hanno aperto lo zaino, hanno visto che c'era solo del cibo, e appena sono entrato nello stadio, mi sono stretto la mano da solo :)

L'attesa fu massacrante, avevano messo un telone di plastica per proteggere il prato, non pensando che con 40 gradi e tutta la gente che c'era, stare seduti sulla plastica non era il massimo, quindi dopo qualche ora praticamente li abbiamo arrotolati tutti per cercare un pò di fresco sull'erba, risultato, a concerto finito, campo distrutto.

Il concerto iniziò puntualissimo, lo stadio esplose, e furono tre ore di libidine assoluta!!!
Quelle poche foto che vedete, sono delle scansioni fatte in casa da negativo, un piccolo riassunto di quello che è stato uno dei più bei concerti che ho mai visto, ma non solo, due giorni senza dormire passati con la spensieratezza e l'incoscienza che si ha a vent'anni.

E la partita?
La partita l'abbiamo vista ad Asti, nel primo locale che abbiamo trovato, la tv era in bianco e nero, tre tavoli di anziani che giocavano a carte, che della partita non gliene poteva fregare di meno, ordiniamo qualcosa da mangiare... e al rigore sbagliato da Cabrini la serenità in quella trattoria cambiò improvvisamente!!!!
Al fischio finale, eravamo tutti in piedi a saltare sui tavoli, residenti compresi!!

Un giorno magico, da ricordare!!!

Silvio Canini



Grazie a Stefano Linguerri e Renato Innocenzi da www.eljeko.net/blog
e il sito
lastampa.it per questi bellissimi scatti in bianco e nero






Altre bellissime foto a colori dell'11 Luglio 1982 - Credits: Cecco


Articoli de "LaStampa" 11-12 Luglio 1982



   

Foto di Amorico Sergio Francesco e l'Unita.it





<<Indietro

 

Sito realizzato da J&G Graphic and Webdesign - Copyright @ 2005