Autore Messaggio

Indice  ~  Generale  ~  IT'S ONLY ROCK'N ROLL....recensione

MessaggioInviato: 8 gennaio 2011, 20:09
Avatar utenteMessaggi: 3011Iscritto il: 12 gennaio 2006, 1:44
Immagine


Data di Pubblicazione : 15 Ottobre 1974 in UK e 18 Ottobre 1974 in USA

Inizio Registrazione : 13 Novembre 1973 – Musicland Studios - Monaco (Germany)

Fine Registrazione : 28 Gennaio 1974 – Musicland Studios - Monaco (Germany)

Produttore : The Glimmer Twins

Tecnici del suono : Andy Johns & Keith Harwood

Etichetta : Rolling Stones Records COC 59103 (UK) COC 79101 (US)


Immagine


THE ROLLING STONES

Mick Jagger
Keith Richards
Charlie Watts
Bill Wyman
Mick Taylor


MUSICISTI CHE HANNO PARTECIPATO ALLE SESSIONS

Ronnie Wood (guitar on It’s Only Rock’n Roll)
Nicky Hopkins (piano)
Billy Preston (piano, clavinet)
Ian Stewart (piano)
Blue Magic (backing vocals)
Ray Cooper (percussions)
Jolly Kunjappu (Tabla)
Ed Leach (Cow-bells)


TRACKING LIST

If You Can’t Rock Me (Jagger-Richards)
Ain’t Too Proud To Beg (Whitfield-Holland)
It’s Only Rock’n Roll (Jagger-Richards)
Till The Next Goodbye (Jagger-Richards)
Time Waits For No One (Jagger-Richards)
Luxury (Jagger-Richards)
Dance Little Sister (Jagger-Richards)
If You Really Want To Be My Friend (Jagger-Richards)
Short And Curlies (Jagger-Richards)
Fingerprint File (Jagger-Richards)



Immagine


Immagine


Immagine



Era l’inizio dell’estate del 1974……e non ce la si faceva piu’. Erano altri tempi ed ogni anno usciva un disco degli Stones e l’anno di attesa dall’ultimo disco Goat’s Head Soup era scaduto.
Mi trovavo all’epoca in Costa Azzurra ed era ancora fresco il ricordo dei tempi di Nellcote
quando gli Stones imperversavano in tutti i sensi sulla Costa francese. E finalmente durante la prima meta’ di luglio vedo esposto in un negozietto di Nizza il 45 giri nuovo di pacca degli Stones :
It’s Only Rock’n Roll/Through The Lonely Nights……copertina con la band vestita da marinaretti tratta dal video promozionale girato per questo singolo. La musica stava cambiando. Eravamo in piena era Glam movimento musico sociale nato un paio d’anni prima in Inghilterra, il cui portavoce piu’ importante era David Bowie che da poco aveva lanciato i suoi 2 capolavori Hunky Dory e The Rise And Fall Of Ziggy Stardust. E come a volte e’ accaduto nella carriera degli Stones , sempre attenti (soprattutto Mick Jagger) alle evoluzioni che gli anni portavano, il Glam ha influenzato parecchio la band sia dal punto di vista musicale (sonorita’) che da quello dell’immagine. Basta andare a vedere i vari video clip girati da Michael Lindsay-Hogg (Ain’t Too Proud To Beg su tutte ma anche Till The Next Goodbye) per rendersene conto
Qualche giorno prima del 26 luglio 1974 data di uscita del singolo, per la precisione il 9 di luglio
furono appunto registrati i 3 video promozionali, Ain’t too Proud To Beg, It’s Only Rock’n Roll e Till The Next Goodbye che furono mandati in onda nel mese di Settembre al TV Show americano
‘’ Don Kirshner Rock Concerts’’. L’attesa aumentava e finalmente arrivo’ il 15 Ottobre data di pubblicazione dell’album che aveva lo stesso titolo del singolo da poco uscito. Gli Stones si affidarono a Guy Peellaert per la realizzazione della copertina del disco. L’anno prima questo autore aveva pubblicato un libro fantastico, Rock Dreams, (chi non ce l’avesse dovrebbe procurarselo) nel quale racconta la storia della musica rock anni ’50, ‘60 e ’70 attraverso disegni incredibili a volte tratti da fotografie tratte da giornali. Vendette piu’ di un milione di copie ed ancora oggi questo libro e’ un must. Sempre della serie che gli Stones hanno la vista lunga!!!
Il disco mi piacque tantissimo gia’ al primo impatto e non potevo smettere di ascoltarlo.
Le prime registrazioni vennero effettuate pochissimo dopo il termine dell’European Tour
del 1973 , fra il 13 e il 24 Novembre dello stesso anno ai Musicland Studios di Monaco di Baviera.
Da quelle sessions vennero fuori If You Can’t Rock Me, Ain’t Too Proud To Beg, It’s Only Rock’n Roll, Dance Little Sister , Fingerprint File e Slow Down And Stop poi scartata definitivamente dalla tracking list finale. La particolarita’ di quelle registrazioni e’ l’assenza di Mick Taylor che in un secondo tempo ha aggiunto le sue parti di chitarra. L’album fu completato all’inizio dell’anno seguente sempre ai Musicland di Monaco fra il 14 e il 28 gennaio con i seguenti brani :
Till The Next Goodbye, Time Waits For No One, Luxury, If You Relly Want To Be My Friend, Drift Away e Living In The Heart Of Love. Questi ultimi 2 pezzi furono anche loro esclusi dall’album e si possono trovare su molti bootlegs. Anche la canzone Short and Curlies inclusa in
It’s Only Rock’n Roll fu registrata come Through The Lonely Nights a Kingston in Giamaica a fine
1972. Per concludere a mio parere It’s Only Rock’n Roll e’ un grande album sia per la qualita’ delle canzoni che per la sua sonorita’ e anche in occasione di questo disco la piu’ grande band di rock’n roll del pianeta non si smenti’.

IF YOU CAN’T ROCK ME

L’album si apre con un rockaccio trascinante con le chitarre che la fanno da padrone e la voce sguaiata di Mick che danno un gran tiro al pezzo. In questo pezzo abbiamo Keith Richards al basso al posto di Bill Wyman, Billy Preston al piano, Ray Cooper alle percussioni. La chitarra di Mick Taylor come gia’ scritto sopra fu aggiunta in un secondo momento. Bellissima la versione live dell’American Tour 1975 in medley con Get Off Of My Cloud.

AIN’T TOO PROUD TO BEG

Uno dei miei brani preferiti da questo album non e’ che una cover dei Temptations che l’avevano portata al successo anni prima. Naturalmente la versione degli Stones e’ molto meno soul e molto piu’ rock. Anche qui abbiamo il buon Billy Preston (che in quegli anni si considerava il sesto Stone e forse prorprio per questo fu allontanato qualche anno dopo) al piano e Ed Leach che suonava….
immaginate un po’…..campanacci per mucche!!!

IT’S ONLY ROCK’N ROLL

Ci sono molte dicerie riguardo al singolo It’s Only Rock’n Roll ma penso che siano davvero reali. Il tutto comincio’ a casa di Ronnie Wood con Kenny Jones dei Faces alla batteria, Willie Weeks al basso, Ronnie Wood stesso alla chitarra e Mick Jagger e David Bowie alle voci. Si dice anche che fosse un pezzo scritto in realta’ da Wood e poi ceduto agli Stones in cambio di un altro brano per l’album solista di Ronnie che doveva uscire a breve. Fatto sta che non fu un enorme succeso di vendite, mi sembra di ricordare che raggiunse solo il decimo posto nelle charts inglesi, ma comunque con il passare degli anni e’ diventata una canzone icona e non solo nel mondo Rolling Stones…….il titolo stesso ed il ritornello si prestavano molto a diventarlo. La B-Side , Through The Lonely Night e’ un pezzo misconosciuto da molti non
essendo stato inserito poi in quello che sarebbe stato l’album . Si tratta di una bella ballata in puro stile Rolling Stones ma non facente parte delle sessions di It’s Only rock’n Roll ma piuttosto di quelle di Goat’s Head Soup……infatti fu registrata a Kingston in Giamaica fra il novembre e il Dicembre del 1972 poco dopo la fine del tour Americano di quell’anno.

TILL THE NEXT GOODBYE

Troppo bella…..una ballata dolcissima con le chitarre acustiche in primissimo piano e la voce caldissima di Mick Jagger. Questo pezzo fa parte della seconda tranche di sessions di registrazione per l’album ad inizio 1974 e come in tutti i brani registrati quei giorni abbiamo al piano il grandissimo Nicky Hopkins al posto di Billy Preston. Purtroppo questa canzone non e’ mai stata proposta live dai Rolling Stones.

TIME WAITS FOR NO ONE

Un altro capolavoro. La canzone e’ accreditata come al solito a Jagger/Richards ma in realta’ e’
una composizione Jagger/Taylor……insomma la solita storia che ha contribuito molto alla frustrazione di Mick Taylor e al suo abbandono della band. Bellissima melodia e suonata in maniera eccezionale , questo pezzo ha il suo must negli assoli dello stesso Taylor…davvero indimenticabili.
Bellissimo anche il piano di Nicky Hopkins. Ad oggi nessuna versione live (purtroppo) di questo brano.

LUXURY

Strizzatine d’occhio alla musica reggae che cominciava ad imporsi in quegli anni in tutto il mondo….strizzatina che poi si confermera’ con l’album successivo Black And Blue.
Comunque Luxury pur non essendo un capolavoro resta una bella canzone che a me mette allegria.
E’ stata suonata live pochissime volte e solo nell’American tour del 1975 poco dopo la pubblicazione dell’album.

DANCE LITTLE SISTER

Puro rock’n roll senza nessuna pretesa ma con un gran tiro….. e chi poteva esserci al piano se non il vecchio Ian Stewart ? Mitica la versione live al Mocambo Club a Toronto nel marzo del 1977.

IF YOU REALLY WANT TO BE MY FRIEND

Ascoltare bene per credere...e’ una canzone stupenda sempre col fantastico Nicky Hopkins al piano. Back up vocals eseguito dai Blue Magic……una delle piu belle ballate degli Stones in assoluto.

SHORT AND CURLIES

L’unico pezzo dell’album non proveniente dalle sessions di fine 1973 inizio 1974. Fu registrato in Giamaica a Kingston nel dicembre del 1972 durante le sessions di Goat’s Head Soup. Non fu scelto per quell’album perche’ era molto simile ad Hyde Your Love come tipo di brano….in effetti in entrambi i pezzi il pianoforte fa la parte del leone.

FINGERPRINT FILE

Forse potremmo definirlo un brano funky……non a tutti piace questo pezzo…a me molto.
Non e’ chiaro se il piano venga suonato da Preston o da Hopkins quello che e’ certo e’ veramente strano. In un pezzo in cui il basso e’ fondamentale, troviamo a questo strumento Mick Taylor e non Bill……mah. Cmq all’ascolto non si nota questa cosa. Dopo essere stato presentatodal vivonei tour
Del 1975 e 1976 viene abbandonato dai nostri nelle loro esibizioni dal vivo.

Isy


Profilo WWW
MessaggioInviato: 8 gennaio 2011, 21:24
Avatar utenteMessaggi: 4663Iscritto il: 8 luglio 2006, 17:02
Insieme a Black and Blue questo è uno degli album che ascolto e che ho ascoltato di più (mi è caduto l'occhio sulla prima foto di Jagger sotto la tracking list: ORRENDA!!!! :P )


Profilo
MessaggioInviato: 9 gennaio 2011, 9:17
Avatar utenteMessaggi: 192Iscritto il: 6 novembre 2007, 15:44
Grazie Isy per tutta l'illustrazione dell'album.....sicuramente questo disco fà parte di uno dei miei preferiti,non c'è una canzone che non mi piace,è poi che dire.... la copertina è bellissima <) <tele .


Profilo
MessaggioInviato: 9 gennaio 2011, 12:37
Avatar utenteMessaggi: 5576Località: sud MilanoIscritto il: 27 settembre 2006, 18:07
Quando ascoltai per la prima volta It's Only Rock'n Roll (la canzone intendo) mi dissi: Oh, mio Dio è la Obladì Obladà dei Beatles. Storsi un po' il naso. Quando presi l'LP, già qusta canzone mi era entrata nelle vene e non avrei mai pensato di ballarla ancora oggi (beh, magari non oggi, ma 3 anni fa) ai loro concerti, saltando ed urlando come una matta.


Profilo
MessaggioInviato: 9 gennaio 2011, 15:15
Avatar utenteMessaggi: 1949Iscritto il: 7 marzo 2008, 18:22
belloooo !!! ;) un album adrenalinico come pochi.......... dance little sister è uno dei pezzi che mi prende di più.

Jg <)


Profilo WWW
MessaggioInviato: 10 gennaio 2011, 9:04
Avatar utenteMessaggi: 4202Località: ladispoliromaitaliaeuropamondoIscritto il: 9 gennaio 2008, 22:17
un disco che ascolto molto....sarà perchè mi piace tanto!!!


Profilo WWW
MessaggioInviato: 10 gennaio 2011, 9:09
Avatar utenteMessaggi: 3924Località: leccoIscritto il: 18 luglio 2009, 23:29
<) Per chi ricorda com'era stato accolto l'album appena uscito ? Lo chiedo perché ci sono versioni discordanti nei libri che ho letto.


Profilo
MessaggioInviato: 10 gennaio 2011, 11:56
Messaggi: 482Località: MilanoIscritto il: 1 giugno 2006, 21:32
molto bello, le mie canzoni preferite sono Time waits for no one, con
lo splendido assolo di M.Taylor , e Fingerprint File, molto più bella
in studio che dal vivo .


Profilo
MessaggioInviato: 26 aprile 2011, 15:15
Messaggi: 4Iscritto il: 24 aprile 2011, 23:14
Jigi ha scritto:
belloooo !!! ;) un album adrenalinico come pochi.......... dance little sister è uno dei pezzi che mi prende di più.

Jg <)

Proprio vero! :D Non a caso Dance Little Sister e Short and curlies sono due delle mie canzoni preferite


Profilo
MessaggioInviato: 26 aprile 2011, 17:45
Messaggi: 194Iscritto il: 3 agosto 2008, 13:31
Ciao Isy per quale motivo Taylor ha inciso dopo le sue parti?


Profilo
MessaggioInviato: 26 aprile 2011, 23:01
Avatar utenteMessaggi: 26Iscritto il: 25 dicembre 2009, 23:23
Come vorrei ascoltare Time Waits For No One Live!


Profilo
MessaggioInviato: 26 aprile 2011, 23:06
Avatar utenteMessaggi: 54Località: pozzallo ragusaIscritto il: 8 giugno 2008, 12:53
time waits for no one per me è il pezzo migliore. Memorabili gli assoli di mick taylor


Profilo
MessaggioInviato: 27 aprile 2011, 1:18
Avatar utenteMessaggi: 4750Iscritto il: 29 ottobre 2007, 20:25
non entra tra i miei preferiti dei Rolling ma lo trovo niente male come disco sicuramente meglio di quello che arriverà dopo...... :cool: Time Waits For No One magistrale un pezzo che mi piacerebbe sentire dal vivo, ma penso che sarà molto difficile quì ci vuole veramente Mick Taylor perchè i suoi assoli nono sono noia ma solamente Magia!!!!!!!!!! <tele <skull


Profilo
MessaggioInviato: 27 aprile 2011, 2:04
Avatar utenteMessaggi: 3924Località: leccoIscritto il: 18 luglio 2009, 23:29
<) Io invece al contrario lo trovo sicuramente migliore del precedente ma niente di che, un buon album comunque, ma sicuramente hanno fatto prima e dopo molto meglio, molte ballad e poca energia, ma ci sta , Its'only and rock'n roll la mia canzone preferita.


Profilo
MessaggioInviato: 27 aprile 2011, 2:37
Avatar utenteMessaggi: 4750Iscritto il: 29 ottobre 2007, 20:25
gusti..... :cool: be sicuramente i dischi precedenti sono meglio a mio parere di questo, ma il dopo per me così così gusti...... :cool: <skull


Profilo

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per:

Tutti gli orari sono UTC +2 ore [ ora legale ]
Pagina 1 di 2
18 messaggi
Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti
Cerca per:
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi