Autore Messaggio

Indice  ~  Generale  ~  "Havana Moon" Rolling Stones in Cuba - 23/9 al Cinema

MessaggioInviato: 24 settembre 2016, 1:19
Messaggi: 4057Località: SALERNOIscritto il: 5 maggio 2008, 23:29
...Davvero un bel film-Concerto questo "Havana moon", lo davano al multisala e in un cinema a 300 metri da casa, ho preferito vederlo in quest'ultimo unico spettacolo alle 21,30, spettatori 40 circa (mettici che c'era anche al multisala nemmeno pochi!)
Film godibile, belle le riprese all'inizio dell'atmosfera Cubana, degli angoli dell'Avana dei primi piani degli abitanti e belle anche le parole dette da ogni membro prima del concerto "accorciato" per motivi di tempo in un'atmosfera gioiosa e spensierata...
Niente da dire sullo show forse ad essere pignoli le inquadrature spesso erano troppo "strette" e laterali ma si tratta di inezie...Quando parte JJF dimentichi tutto e vai in trance mistica sperando di svegliarti in transenna al prossimo concerto degli Stones!
Le cose che mi sono piaciute di più:il "cameratismo" e il divertimento tra i vari membri della Band già notata a Roma due anni fà, un grande Ronnie, Mick iperattivo, scatenato, incredibile e Charlie...Charlie ragazzi è un treno inarrestabile!Keith sornione ed essenziale con un grandissimo solo su "Satisfaction" che vale da solo l'intero show...
Highlights dello show per me:"Paint it black" e sopratutto una versione stupefacente di "Satisfaction", granitica, fluida, ritmatissima e come detto con un Keith in gran spolvero!
A cercare il pelo nell'uovo a mio gusto per l'amor di Dio, ho avvertito e non poco la mancanza di due pilastri della famiglia "Rotolante":Lisa e Bobby..."Gimme shelter" senza Lisa è...Semplicemente un'altra roba nonostante la prova volenterosa di Sasha Allen che però sia come voce che come padronanza del palco è ahimè distante anni luce da Lisa...Un po' meglio Karl Denson al Sax, ma il solo di "Brown sugar" grida ancora vendetta ma tant'è..."Time waits for no one"...
Al tirar delle somme un film-concerto godibile e divertente con la Band in ottima forma, unica nota davvero negativa al massimo per me:mentre guardavo il film mi è venuta fortissima la voglia di rivederli dal vivo in transenna, proprio un bisogno , un richiamo ancestrale non so come spiegarlo...Ma l'avete sicuramente capito, no...E il guaio è che se tutto va bene mancano ancora 8/9 mesi...Come farò...Sigh!
Comunque tra Documentario "Olè Olè Olè!", i quattro concerti in America, l' Album Blues e probabilmente il disco di inediti il tempo magari passerà più in fretta...L'anno prossimo è l'anno del mio "Cinquantennale" (Sigh!) e lo onorerò come Dio Comanda...Avevate dei dubbi?!?

Massimiliano


Profilo
MessaggioInviato: 24 settembre 2016, 1:20
Messaggi: 4057Località: SALERNOIscritto il: 5 maggio 2008, 23:29
...A proposito per la cronaca:a fine spettacolo ho chiesto e avuto la locandina del Film! ;) :P <)


Profilo
MessaggioInviato: 24 settembre 2016, 8:43
Messaggi: 1576Iscritto il: 10 novembre 2012, 20:01
Per la sigla finale, durante i titoli di coda, hanno scelto 'Pass the Wine'. Gran pezzo...pero', per un attimo, ho sperato che inserissero il pezzo di punta del prossimo album...sarebbe stata la ciliegina sulla torta! Se non sbaglio lo fecero con Crossfire quando inserirono One More Shot...

[ Messaggio inviato da Android ] Immagine


Profilo
MessaggioInviato: 24 settembre 2016, 11:17
Avatar utenteMessaggi: 1901Iscritto il: 20 dicembre 2010, 22:27
Havana moon'' non è solo un concerto, non è solo musica, ma è una istantanea degli Stones in toto, di quanto siano ancora oggi influenti, di quanto riescano a (s)muovere con uno show.
Una piccola grande rivoluzione, appunto, non solo musicale ma culturale. Del resto dopo cinquanta anni di onorata carriera, gli Stones sono più di un semplice gruppo musicale - inutile raccontarlo per l'ennesima volta. Guardando le interviste che precedono lo show, si avverte una certa familiarità, come se si conosccessero questi quattro vecchietti da sempre. Una impressione, questa, che non penso si avverta con ogni gruppo. E non credo che c'entri solo la musica. La loro attitudine, la loro immagine, i loro messaggi sono diventati parte integrante della nostra cultura, di un certo immaginario comune.

Undici spettatori, un record per i cinema delle mie parti, un audio non perfetto che però mi ha permesso di fare alcune considerazioni.
Finalmente, come avevamo notato ascoltando alcuni video sparsi sul tubo, un volume più alto per Ronnie Wood (entusiasta e brillante in tutto il concerto) ed anche per Darryl Jones. A sottolineare l'importanza del basso in questo gruppo, ed in generale della sezione ritmica.

Facilmente intuibile l'affiatamento tra tutti i membri della band molto più evidente rispetto agli shows del 2012 o del 2013 e tutto questo ha delle grandissime influenze sulla qualità dello show, non solo in termini esecutivi.
Come detto dallo stesso Massimiliano la scorsa estate, in una giornata che ricordo con tantissimo piacere, quando si ascolta gli Stones dal vivo non è opportuno chiedersi se abbiano suonato bene, senza fare errori e cose simili. E' importante l'affiatamento, l'armonia che c'è sul palco e anche a Roma, due anni fa, la chimica tra le pietre rotolanti si toccava con mano.

Tre gli highlights del concerto, come per lo show capitolino: ''Out of control'', dal suono robusto, compatto, secondo me indispensabile in uno show degli Stones. Un brano d'atmosfera sul fnale del quale la fa da padrone un duetto tra la chitarra di Richards, essenziale e sporca, e l'armonica blues di Mick (davvero un bluesman di altri tempi). Ottima anche la scelta di eliminare il solo di sax preferendo ad esso un altro solo dello stesso Jagger, a dare più continuità al pezzo.
Altro grande momento della serata ''Gimme shelter'', ottima la performance di Sasha Allen e bellissimo anche in questo caso il lungo outro. Sono rimasto colpito da 'Sympathy for the devil'', pensando a Cuba, a quelle immagini, a quel contesto, alla storia di quella gente. Esecuzione violentissima, direi quasi pericolosa; ho pensato per un attimo all'incidente di Altamont e da quanti anni Jagger sia completamente a suo agio nei panni della Bestia.

Per chiudere questo mio interminabile post, rispetto al precedente 'Live in Hyde Park'', "Havana moon'' risulta essere un film più curato, con una maggiore attenzione verso le immagini, un tentativo ben riuscito di raccontare questo strano rapporto che c'è tra il Rock N' Roll e Cuba, tra i Rolling Stones e Cuba.
Perchè Rock N' Roll e Stones, mai come ora, sono sinonimi.


Profilo WWW
MessaggioInviato: 24 settembre 2016, 12:57
Avatar utenteMessaggi: 2735Località: ROMAIscritto il: 1 luglio 2007, 12:08
Questa estate ho letto il libro : di Massimo Bonanno “ Con le mie lacrime - I primi 50 anni dei Rolling Stones” e ieri sera vedendo il film il cervello e’ andato a spasso nello spazio e nel tempo…….
Mi sembra incredibile che quei ragazzi disordinati, caotici, affamati e sempre in cerca di una scrittura anche a parecchi chilometri di distanza……quei ragazzetti che accettavano anche due spettacoli al giorno pur di suonare e farsi conoscere, siano arrivati a tanto. Le inquadrature sugli spettatori facevano impressione: un oceano di persone….
50 anni e passa, 50 anni di strade, paesi, mondi e culture diverse……..incredibile !
Eppure questi sono i Rolling Stones oggi, nelle occhiate e i sorrisetti tra Mick e Keith c’e’ tutta la loro e soprattutto la nostra storia.
Immensi e basta.

Prodigalson


Profilo
MessaggioInviato: 24 settembre 2016, 14:12
Messaggi: 1576Iscritto il: 10 novembre 2012, 20:01
Andando un po' nel dettaglio, ho notato un Ronnie davvero in gran spolvero. Ho avuto la netta sensazione che abbia ricevuto un input specifico a dare di più rispetto al solito compitino. Della serie 'Ronnie stasera osa di più, hai carta bianca'. La sua chitarra, finalmente, ha avuto anche il giusto risalto nel mix. Mick mi pare che abbia utilizzato un'impronta vocale meno esile e nasale, più potente. Rispetto a Shine a Light è stato nettamente migliore. Keith più brillante e reattivo. Charlie in splendida forma. In generale, si vedeva chiaramente che stavano dando qualcosa di più rispetto al solito, anche consapevoli della portata dell'evento e della registrazione dello stesso. Però, stavolta, le telecamere li hanno catturati TUTTI in ottima forma. Anche il basso di Darryl si sente bene e fa egregiamente il suo lavoro. È mancata solo Lisa, sopratutto su Gimme Shelter. Sasha è molto brava ma, come dicono dalle mie parti, 'ne deve mangiare di bistecche' prima di avvicinarsi al livello di Lisa!

[ Messaggio inviato da Android ] Immagine


Profilo
MessaggioInviato: 24 settembre 2016, 17:12
Avatar utenteMessaggi: 192Iscritto il: 6 novembre 2007, 15:44
Magnificoooooooooo!!!!
Proverò a raccontarvi le mie impressioni, anche se non sono bravo come voi a scrivere, detto questo, va detto che sicuramente "Havana moon" per me, è uno dei concerti più belli di questo tour, il palco era un bel arcobaleno di colori, comprese le camice di Keith e le t-shirt di Ronnie (con Elvis sulla spalla). Ma passiamo alla cosa più importante, la musica, questa volta si sono superati, erano tutti in grande forma e vogliosi di fare bene....non avevo mai visto un Keith così attento e partecipe, per non parlare della performance vocale di Mick! Ha cantato da Dio....E' vero che la scaletta era la solita, ma l'esibizione delle canzoni era diversa ! Vuoi per l'importanza dell'evento, le hanno suonate e cantate benissimo, certo che dal vivo Out of Control è strepitosa, per non parlare del cavallo di battaglia Midnight Rambler.....l'unica pecca erano i sottotitoli che finivano tagliati fuori dall'inquadratura, per il resto è stato un Gran bel concerto, abbiamo passato due ore di Puro Rock e gioia. Dimenticavo, noi l' abbiamo visto a l' UCI Cinema di Pioltello, e penso che a occhio e croce eravamo una quarantina.....Buon Week end a tutti!!!!

[ Messaggio inviato da iPad ] Immagine


Profilo
MessaggioInviato: 24 settembre 2016, 17:53
Avatar utenteSite AdminMessaggi: 3910Località: MilanoIscritto il: 6 gennaio 2006, 23:20
Immagine


Profilo WWW
MessaggioInviato: 24 settembre 2016, 18:31
Messaggi: 183Iscritto il: 18 marzo 2014, 16:17
Catania, ore 21:00, il sala 11/12 persone circa (a occhio dai 23 ai 66 anni di età), dopo 20minuti di inutili trailer, che spingi via con la stessa urgenza che viene talvolta destinata ai peggiori gruppi spalla, si parte e i vecchi ragazzacci ci invitano a divertirci, a godercela.

Antipasto con la cartolina di una Cuba che finalmente è pronta ad accogliere uno dei più grandi miracoli del 900, Ladies and gentlemen The Rolling Stones.
Si parte! Mick se la ride a 10 secondi dall’attacco dell’immortale riff del giardiniere saltellante Jack Flash. E’ energia pura, i ragazzi ci sono e se la godono più di chiunque altro, sono compatti, sorridenti, amalgamati sino alle sporche viscere, sono adolescenti con rughe infinite…Signori sono gli Stones. Il pubblico è una marea a perdita d’occhio, questa enorme entità in venerazione che pian piano sprofonda in un catalizzatore emotivo raro ai giorni nostri.
Charlie è iconico e inossidabile, una pompa cardiaca che pulsa sino a far invidia al cuore rivelatore di Poe. Ronnie sobrio, sfavillante, concentrato e in strepitosa forma: è un artista che con la sua sei corde pennella il capolavoro. Keith monumentale, lo si vede sorridere costantemente, è emozione senza filtri o fronzoli, paradisiache le occhiate scambiate con gli altri della gang (o band che dir si voglia), su Sympathy è graffiante e incazzato. Mick… Mick Jagger, la più grande rock star della storia del sistema solare è al di là della parabola temporale, è cool, è simpatico, raffinato, sfacciato (si gode una sculettata, impertinente quanto scenica, di Sasha Allen) e, signori, viaggia al doppio della velocità della luce su quel palco, su Midnight Rambler è posseduto dalla passione del diavolo, le sue gambe volano e si prendono gioco del concetto di invecchiamento.

Questi esseri umani “a parte” incarnano il senso più intimo della nozione libertà, sono l’archè mai perduto di una generazione che ha cambiato il mondo. Sono dei sopravvissuti che non vogliono pagare la loro tassa, quattro Dei pagani che consegnano agli psicologi, ai sociologi, agli antropologi e chi più ne ha più ne metta, un patrimonio culturale in divenire.

Peli nell’uovo: Avrei voluto vedere il concerto completo ma mi rendo conto che sarebbe stato troppo lungo per il cinema, anche se io starei lì seduto 6 ore a guardare. Bobby non c’è più e si sente, eccome se si sente. Sasha Allen è vocalmente due spanne al di sotto di Lisa, ma è giovane e merita tempo.
D’altronde, cari Stones, time is on Your side.

Placido


Profilo
MessaggioInviato: 24 settembre 2016, 23:32
Messaggi: 181Località: BiellaIscritto il: 8 aprile 2014, 0:16
Noi siamo andati al movie planet di Borgo Vercelli. Anche li in sala più o meno 15 persone.
Ecco questa è stata l'unica delusione della serata <sad , il sottoscritto per paura di non trovare posto aveva anche preso i biglietti on line :D .
Per il resto ......grandi emozioni.

Sarà vero che la maggior parte dei pezzi sono stati fatti e strafatti da anni dal vivo ma ieri sera
all'attacco di alcuni come Angie o Paint it black mi sono venuti gli occhi lucidi e questo è quello che mi basta.

Comunque concordo per la grande serata di Ronnie <tele e tutte le volte mi lascia senza parole la tenuta fisica di Mick. Bellissimo poi vedere i voliti gioiosi dei cubani, si vedeva che per loro c'era qualcosa in più del concerto.

Un'altra pagina di storia <)


Profilo
MessaggioInviato: 25 settembre 2016, 0:06
Messaggi: 4057Località: SALERNOIscritto il: 5 maggio 2008, 23:29
...Una domanda a cui non riesco a darmi una risposta ragionevole...Ma come fa Mick a fare quello che fà a 73 anni?!?PAZZESCO!!!


Profilo
MessaggioInviato: 25 settembre 2016, 11:09
Avatar utenteMessaggi: 180Iscritto il: 10 settembre 2010, 13:13
Ho ancora i brividi...che intesa che c'è tra loro!!!
A Prato spettacolo delle 20.30, eravamo una trentina...e ho trovato una coppia che gli aveva visti al Maracanà a Rio de Janeiro!!!


Profilo
MessaggioInviato: 25 settembre 2016, 14:24
Messaggi: 1762Iscritto il: 11 febbraio 2007, 4:36
visto allo space di Fuorigrotta.
Rispetto a quando vidi shine a light al modernissimo, dove ci ficcarono in una stanza minuscola con un schermo 2x2, questa volta è stato in una sala grande (una 30 i presenti di tutte le età... e no, oggi non sono più il più giovane della platea :lol: ) con una schermo che ha reso giustizia al tutto.

Il concerto mi è piaciuto. Forse anche più delle mie aspettative. Belle interviste e in generale tutta l'atmosfera cubana. Non ho un pezzo preferito della scaletta "mutilata" della serata, forse midnight rambler, ma è stato tutto suonato molto bene, con feeling e convinzione.

Anche se ormai sono quasi 10 anni, confesso di non riuscire ad abituarmi ad un Ronnie totalmente sobrio, ma meglio così.

Tutti in gran forma, anche Keith che a volte è apparso essere il più "fragile" della gang.

Semplicemente incredibili. Jagger più incredibile di tutti gli altri. Riesce ancora a correre e cantare per quasi due ore apparentemente senza fatica alcuna. Io, oggi che ho 33 anni, giuro che non sono certo di esserne in grado...
Caso umano da studiare in laboratorio!

Dispiace come qualcuno ha ricordato per Bobby, verso il quale ero sempre molto attento durante i concerti. Molto più dei session man che li seguono dall' 89 lui era parte integrante del suond e della band.
Un po' meno per Lisa, tutto sommato a mio parere sotituibilissima rispetto al primo e che comunque tornerà presto a dare il suo onesto contributo.

Aspetto il documentario, il disco blues, quello nuovo e la torunè che seguirà.
Sto già risparmiando denari al riguardo. So che non riuscirò al resistere alla chiamata, sia essa per Londra, Milano, Stoccolma o Berlino ;)


Profilo
MessaggioInviato: 26 settembre 2016, 15:41
Avatar utenteMessaggi: 3948Iscritto il: 15 giugno 2006, 18:11
Immagine


Profilo
MessaggioInviato: 27 settembre 2016, 22:18
Messaggi: 535Iscritto il: 3 settembre 2012, 22:37
Al cinema hanno tagliato fuori parecchi pezzi..tumbling dice,all down the line, miss you..start me up..spero ci siano nel dvd...ahh e il secondo pezzo cantato da keef

[ Messaggio inviato da Android ] Immagine


Profilo

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per:

Tutti gli orari sono UTC +2 ore [ ora legale ]
Pagina 3 di 6
88 messaggi
Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti
Cerca per:
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi