Autore Messaggio

Indice  ~  Generale  ~  The Rolling Beatles

MessaggioInviato: 27 settembre 2021, 14:21
Avatar utenteMessaggi: 235Località: reggio calabriaIscritto il: 26 marzo 2013, 11:47
Concordo pienamente.
E che dire dei Cream che rivoluzionarono gli stilemi del blues in soli tre anni di storia, dei Genesis e dei King Crimson che al di là dei gusti personali stravolsero i rapporti tra rock e musica classica, e jazz.


Profilo
MessaggioInviato: 28 settembre 2021, 1:09
Messaggi: 110Iscritto il: 17 luglio 2019, 19:50
Non si tratta di tifoserie

I BEATLES musicalmente sono mediocri, forse avranno pure inventato i coretti multipli ( ma allora pure i Beach Boys sono faboulus) inutile giraci intorno, non sono nulla di che, fossero venuti qualche anno dopo non se li sarebbe filati nessuno, avrebbero avuto meno successo degli Who e dei Faces

Andatevi a sentire i primi dischi, assoli imbarazzanti fuori tonalità, batteria penosa, canzonette patetiche

Non avevano nemmeno un 'front man' , Mick jagger se li mangia a colazione per non parlare della scarsezza di George Harrison come chitarrista, non saprebbe dove cominciare per suonare gli assoli di Mick Taylor

Stimavo Lennon, perchè mi sembrava un 'duro e puro', prima però di scoprire le ciofeche che ha fatto con la giapponese

La cosa assurda che uno come lui, cresciuto con il mito di Elvis e Berry, potesse considerare arte sperimentale una che gridava tutta stonata e il bello che gli concedeva spazio anche nei suoi album !!!


Profilo
MessaggioInviato: 28 settembre 2021, 11:06
Avatar utenteMessaggi: 4245Località: CelleIscritto il: 18 settembre 2006, 13:04
Trovo l’idea di partenza interessante e non priva di spunti. Mi pare un peccato ridurre questo argomento di discussione alla solita tiritera “io rispetto i gusti di tutti ma i beatles fanno schifo e non sono degni neanche di allacciare le scarpe agli stones”, peraltro già trita e ritrita su questo forum.

Grazie innanzi tutto a Brown salt per avere lanciato il tema e anche per avermi fatto notare come – casualmente – i superstiti dei rispettivi gruppi rivestono esattamente i ruoli che servirebbero. Il mio pensiero è corso subito al passato, quando i componenti dei vari complessi si mischiavano a volte per puro divertimento, a volte per dare vita a “supergruppi” (cream, blind faith) , altre ancora per contribuire ai progetti solisti dei colleghi. Penso a Keith Richards che suona il basso nei Dirty Mac (e il Circus avrebbe potuto testimoniare altre sperimentazioni di quel tipo e altri rimescolamenti di band, adesso ne avremmo un documento forse ancora più entusiasmante), o che porta le sue chitarre alla corte di Tom Waits. Per non parlare di quello che ha combinato Ron Wood, a partire dal suo ruolo di bassista con Jeff Beck.

Ovviamente non penso a una sezione ritmica Starr-McCartney che possa sostituire quella originaria degli Stones (anche se poi sarebbe un inserimento più coerente e meno forzato di quello attuale dei due – seppur immensi – session men tecnicamente ineccepibili ma che di certo non provengono da quel background che caratterizza i gruppi inglesi degli anni sessanta), ma piuttosto a una specie di rimpatriata tra vecchi “amici-rivali”, per scambiarsi frasi musicali, idee, ricordi, aneddoti tra un brano ora dell’uno ora dell’altro gruppo, o jammando su vecchi rock and roll.
Mi vengono alla mente le trasmissioni di Jools Holland sulla televisione britannica o ancora meglio un bellissimo programma sempre della BBC, mi pare si chiami Songwriter Circle, in cui musicisti di diversa estrazione si alternanavano raccontando e suonando le proprie canzoni, partecipando anche nelle esecuzioni rispettivamente dell’uno o dell’altro (ce n’è uno straordinario che vede insieme Nick Cave, Chrissy Hinde e John Cale).

Ecco, io vedrei bene i cinque in uno studio televisivo, o in un teatro, comunque davanti a un pubblico, magari con l’aggiunta di un pianista; purtroppo non ci sono più né Nicky Hopkins, né Billy Preston (che tra l’altro sarebbe stato perfetto avendo suonato con entrambi i gruppi), anche se Chuck Leavell andrebbe benissimo. E se McCartney su qualche canzone volesse suonare il piano, Ron Wood potrebbe rimpiazzarlo al basso.

Mi piacerebbe vedere Ringo Starr e McCartney suonare Monkey Man ad esempio, o vedere come agiscono su She’s a Rainbow. “I wanna be your man” ovviamente sarebbe doverosa e sicuramente molto divertente. Non mi pare il caso di tirare in ballo Obladì Obladà o il sottomarino giallo, ma chissà come sarebbe l’interpretazione di Jagger su “Get Back” o “Don’t Let me Down”. E mi immagino Ron Wood e Keith Richards svisare su “Why can’t we do it in the road”, con Jagger all’armonica; oppure McCartney che duetta su “you can’t always get what you want”.
Per non parlare delle cover: “Money”, “Roll Over Beethoven”, “Can I Get a Witness”,”Under the Boardwalk”, “Time is on my side”…


Profilo WWW
MessaggioInviato: 30 settembre 2021, 1:33
Messaggi: 110Iscritto il: 17 luglio 2019, 19:50
Sarà pure una tiritera ma dato che i Beatles hanno sempre fatto intendere che gli Stones erano i parenti sfigati che vivevano della loro luce riflessa, volevo capire dove lo avevano dimostrato

I fans dei Beatles devono avere qualche patologia all'orecchio per non rendersi conto della pena che fanno musicalmente e del fatto che hanno un batterista tra i più scarsi del pianeta e tra l'altro anche gruppi come gli WHO gli mangiano letteralmente in testa

Sentire i beatles suonare la musica degli stones farebbe ridere, sarebbe la versione parrocchiale della musica del diavolo

A parte che su un palco non c'è nemmeno paragone , I beatles facevano pena, basta cercarsi qualche video su youtube per rendersene conto non è difficile


Profilo
MessaggioInviato: 13 ottobre 2021, 17:54
Avatar utenteMessaggi: 235Località: reggio calabriaIscritto il: 26 marzo 2013, 11:47
https://www.rollingstone.it/musica/news ... nd/589575/


Ecco qua cosa pensa il grande inarrivabile luminosissimo genio musicale sir Paul McCartney dei poveri brutti sporchi
e cattivi Rolling Stones...


Profilo
MessaggioInviato: 13 ottobre 2021, 19:06
Avatar utenteMessaggi: 963Località: PistoiaIscritto il: 27 marzo 2014, 21:02
Paul è davvero un amore...


Profilo
MessaggioInviato: 13 ottobre 2021, 19:56
Avatar utenteMessaggi: 235Località: reggio calabriaIscritto il: 26 marzo 2013, 11:47
Sì è davvero amorevole in questo periodo...prima dopo cinquant'anni finalmente dice la verità e dà la colpa della fine dei Beatles al povero John Lennon, che non può dire la sua al proposito...adesso questo meraviglioso giudizio sugli Stones, anche se dice che li adora quei terribili ragazzacci...


Profilo
MessaggioInviato: 16 ottobre 2021, 12:00
Avatar utenteMessaggi: 196Iscritto il: 10 settembre 2010, 13:13
Povero Macca...quando uno è dimenticato e preso nella giusta considerazione, si inventa qualsiasi cosa pur di far scrivere il suo nome sui giornali...


Profilo
MessaggioInviato: 16 ottobre 2021, 20:08
Messaggi: 191Iscritto il: 9 luglio 2013, 20:36
Tutto giusto....basta però ammettere che se non fossero esistiti i Beatles....niente Rolling e niente British Invasion


Profilo
MessaggioInviato: 17 ottobre 2021, 0:37
Avatar utenteMessaggi: 235Località: reggio calabriaIscritto il: 26 marzo 2013, 11:47
Sbagliatissimo, gli Stones pur essendo inglesi provengono da un suono che è americano a tutti gli effetti, con il british sound non c'entrano niente, quindi non hanno niente a che spartire con i Beatles.
Gli Stones affondano le loro radici nel blues, nel rythm n blues, nel country americano, anche un po' nel country western, quindi perdonami dire che senza i Beatles gli Stones non sarebbero esistiti è un falso storico e un falso musicale.


Profilo
MessaggioInviato: 17 ottobre 2021, 9:32
Avatar utenteMessaggi: 235Località: reggio calabriaIscritto il: 26 marzo 2013, 11:47
https://www.rockol.it/news-725666/rolli ... y-polemica

Così Mick, con leggerezza, con ironia!


Profilo
MessaggioInviato: 17 ottobre 2021, 15:05
Messaggi: 191Iscritto il: 9 luglio 2013, 20:36
Non c'entra niente il genere musicale, io parlo di show business, non fossero esistiti i Beatles a fare da apripista in America, lànessuno si sarebbe cagato qualsiasi gruppo inglese (come era stato fino a quel momento) indipendentemente dal genere musicale che suonavano


Profilo
MessaggioInviato: 17 ottobre 2021, 15:35
Avatar utenteMessaggi: 4207Località: leccoIscritto il: 18 luglio 2009, 23:29
Gianpietro ha scritto:
Non c'entra niente il genere musicale, io parlo di show business, non fossero esistiti i Beatles a fare da apripista in America, lànessuno si sarebbe cagato qualsiasi gruppo inglese (come era stato fino a quel momento) indipendentemente dal genere musicale che suonavano

A dire il vero il primo tour americano (se non ricordo male) non fu un successone come quello dei Beatles, gli Stones dovettero guadagnarsi la pagnotta, per cui non credo che se non ci fossero stati i Beatles non ci sarebbero stati i RS.
I RS affondano le radici nel blues e altri generi che nulla hanno a che fare con i B., se gli Stones devono ringraziare qualcuno, devo ringraziare i vari Chuck Berry, Muddy Waters ecc. non certo i B.
Dopodiché sta cosa B vs RS dovremmo averla superata tutti da tempo.


Profilo
MessaggioInviato: 17 ottobre 2021, 16:45
Avatar utenteMessaggi: 641Iscritto il: 8 maggio 2009, 12:30
Si e' vero il rock britannico ha stentato all'inizio ad imporsi negli USA ma poi ha dilagato alla grande e non per merito dei Beatles ma perche' si e' dimostrato di gran lunga superiore a quello americano questa e' la verita' altro che Beatles. L'unico che e' riuscito a tener testa ai grandi big britannici e' stato Jimi Hendrix


Profilo
MessaggioInviato: 17 ottobre 2021, 19:18
Avatar utenteMessaggi: 4207Località: leccoIscritto il: 18 luglio 2009, 23:29
roadrunner ha scritto:
Si e' vero il rock britannico ha stentato all'inizio ad imporsi negli USA ma poi ha dilagato alla grande e non per merito dei Beatles ma perche' si e' dimostrato di gran lunga superiore a quello americano questa e' la verita' altro che Beatles. L'unico che e' riuscito a tener testa ai grandi big britannici e' stato Jimi Hendrix

Concordo...poi la musica britannica aveva dalla sua la lingua (che coincidenza !) , per cui gli americani non la vedevano come la musica francese o italiana.


Profilo

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per:

Tutti gli orari sono UTC +2 ore [ ora legale ]
Pagina 2 di 2
30 messaggi
Vai alla pagina Precedente  1, 2
Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti
Cerca per:
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi